Vescovi siciliani (2)

Mons. Giuseppe Marciantemons-giuseppe-marciante

Catania – 16 luglio 1951.

Ordinato sacerdote il 05.10.1980 nell’arcidiocesi di Catania. Incardinato nella diocesi di Roma il 01.07.1993. Vescovo ausiliare di Roma il 01.06.2009, vescovo titolare di Thagora. Riceve l’ordinazione episcopale il 11.07.2009. Il 16 febbraio 2018 vine scelto come vescovo di Cefalù, dove prende possesso il 14 aprile 2018.

 

 

 

 


Mons. Giuseppe Sciaccamons-giuseppe-sciacca

Aci Catena (CT) – 23 febbraio 1955.

Ordinato sacerdote il 07/10/1978. Nomina Episcopale: 03/09/2011. Segretario generale del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano. Dal 13 febbraio 2013 uditore generale della Camera Apostolica. Dal 24 agosto 2013 segretario aggiunto del Supremo tribunale della Segnatura apostolica. Il 16 luglio 2016 è nominato Segretario del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica.

 

 

 

 


mons-vincenzo-bertoloneMons. Vincenzo Bertolone

San Biagio Platani (AG) – 17 novembre 1946.

Ordinato Presbitero a Palermo il 17 maggio 1975. Eletto Vescovo di Cassano All’Ionio il 10 marzo 2007. Ordinato Vescovo nella Basilica Vaticana il 3 maggio 2007.Ingresso nella Diocesi di Cassano all’Jonio il 13 maggio 2007. Vescovo della Diocesi di Cassano all’Jonio dal 13 maggio 2007 al 28 maggio 2011. Eletto Arcivescovo Metropolita della Diocesi di Catanzaro Squillace il 25 marzo 2011. Ingresso in Diocesi di Catanzaro il 29 maggio 2011. Ingresso nella Comunità diocesana di Squillace il 4 giugno 2011.

 

 

 


mons-antonino-miglioreMons. Antonino Migliore

Serradifalco (CL) – 7 giugno 1946.

Ordinato sacerdote il 29 giugno del 1969. Consacrato vescovo il 23 giugno 2000 presso la cattedrale di Caltanissetta dal Card. Lucas Moreira Neves. Attualmente è vescovo di Coxim, in Brasile.

 

 

 

 

 


Mons. Mario Paciello
mons-mario-paciello

Barcellona Pozzo di Gotto (ME) – 26 ottobre 1937.

Ordinato sacerdote il 30 giugno 1963 a Foggia. Il 20 luglio 1991 è nominato vescovo di Cerreto Sannita-Telese-Sant’Agata de’ Goti. Riceve l’ordinazione episcopale il 29 settembre 1991 dall’arcivescovo Giuseppe Casale. Il 6 agosto 1997 è nominato vescovo di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti. Il 15 ottobre 2013 papa Francesco accoglie la sua rinuncia per raggiunti limiti di età.

 

 

 

 


Mons. Salvatore Paruzzomons-salvatore-paruzzo
Montedoro (CL) – 15 ottobre 1945.

Ordinato sacerdote il 29 giugno 1969. Missionario fidei donum in Brasile dal 1979. Il 30 dicembre 1998 è stato nominato primo vescovo di Ourinhos, in Brasile. Ha ricevuto l’ordinazione episcopale il 19 marzo 1999.

 

 

 

 

 


mons-vito-ralloMons. Vito Rallo

Mazara del Vallo (TP) – 30 maggio 1953.

Ordinato sacerdote il 1º aprile 1979 nella città natale. Laureato in utroque iure. Il 20 febbraio 1988 entra nel servizio diplomatico della Santa Sede. Rappresentanze pontificie in Corea, Senegal, Messico, Canada, Libano, Spagna, Burkina Faso e Niger. Nel 2004 è nominato inviato speciale ed osservatore permanente della Santa Sede presso il Consiglio di Europa a Strasburgo. Incarico mantenuto fino al 2007. Il 12 giugno dello stesso anno papa Benedetto XVI lo nomina Nunzio Apostolico in Burkina Faso e Niger, elevandolo contemporaneamente alla sede titolare di Alba con dignità di arcivescovo. Riceve l’ordinazione episcopale dal Cardinale Segretario di Stato Tarcisio Bertone il 28 ottobre 2007 a Mazara del Vallo. Presenta le lettere credenziali al presidente del Burkina Faso il 23 novembre 2007. Ha concluso la sua missione il 15 gennaio 2015.

 


mons-giuseppe-leanzaMons. Giuseppe Leanza
Cesarò (ME) – 2 gennaio 1943.

Ordinato sacerdote il 17 luglio 1966 da Mons. Giuseppe Pullano. Frequenta la Pontificia Accademia Ecclesiastica ed entra nel servizio diplomatico della Santa Sede. Il 3 luglio 1990 è nominato da Giovanni Paolo II Nunzio Apostolico in Haiti ed elevato ad Arcivescovo titolare di Lilibeo. Riceve la consacrazione episcopale il 22 settembre 1990 dal Cardinale Agostino Casaroli presso il Santuario Maria SS.ma di Tindari. Il 4 giugno 1991 è trasferito come Nunzio Apostolico in Malawi e Zambia, in Africa. Diviene poi Nunzio Apostolico in Bosnia ed Erzegovina il 29 aprile 1999, in Slovenia il 15 maggio 2002, in Macedonia il 18 maggio 2002 ed in Bulgaria il 22 febbraio 2003. Il 22 febbraio 2008 papa Benedetto XVI lo nomina Nunzio Apostolico in Irlanda e il 15 settembre 2011 lo ha trasferito Nunzio Apostolico nella Repubblica Ceca.
 


mons-alfio-rapisardaMons. Alfio Rapisarda

Zafferana Etnea (CT) – 03 settembre 1933.
Ordinazione Presbiterale: 14/07/1957. Elezione Episcopale: 22/04/1979. Consacrazione Episcopale: 27/05/1979. Nunzio Apostolico Emerito Rappresentanza Pontificia Portogallo.
 

 

 

 

 


mons-roco-santino-gangemiMons. Santo Rocco Gangemi
Messina – 15 agosto 1961.
Ordinato Presbitero a Messina il 29 giugno 1986. Ordinato Vescovo il 17 marzo 2012. Nel 2013 Nunzio Apostolico in Guinea (6 novembre) e Mali (5 febbraio 2014). Il 25 maggio 2018 Nunzio Apostolico in El Salvador.
 

 

 

 

 


mons-rosario-vellaMons. Rosario Vella
Canicattì (AG) – 08 maggio 1952.

Ordinato Presbitero il 27 maggio 1979. Consacrato vescovo il 16 dicembre 2007 dall’Arcivescovo Odon Marie Arsène Razanakolona. Dal 7 novembre 2007 vescovo di Ambanja (Madagascar).
 

 

 

 

 


mons-gaetano-alibrandiMons. Gaetano Alibrandi
Castiglione di Sicilia (CT) – 14/01/1914 – 04/07/2003.
Ha fatto gli studi liceali nel seminario di Acireale ed è poi entrato nel Pontificio Seminario Romano. Completati gli studi di teologia, conseguì il Dottorato in Diritto Canonico e Civile. Ordinato sacerdote il primo novembre 1936, frequentò la Pontificia Accademia Ecclesiastica dove si preparò per il servizio diplomatico della Santa Sede. Nel corso della sua lunga carriera diplomatica occupò numerosi incarichi. Dal 1941 al 1946 fu Addetto, Segretario e più tardi Uditore della Nunziatura Apostolica in Italia. Dal 1949 al 1953 Uditore della delegazione apostolica in Turchia e poi Consigliere. Dal 1952 al 1953 Amministratore Apostolico del Vicariato di Istanbul. Dal 1953 al 1956 Consigliere della Nunziatura Apostolica in Irlanda. Dal 1956 al 1958 Consigliere della Delegazione Apostolica in Messico. Dal 1958 al 1961 Internunzio Apostolico in Indonesia. Il 6  ottobre 1961 fu fatto Arcivescovo titolare di Binda e Nunzio Apostolico in Cile. Dal 1963 al 1969 fu Nunzio Apostolico in Libano e nel 1969 Pro-Nunzio Apostolico nel Kuwait. Dal 1969 al 1989 Nunzio Apostolico in Irlanda. Il 22 marzo 1988 poneva nelle mani di Giovanni Paolo II “l’incarico di Rappresentante Pontificio in vista del compimento degli anni di età, predisposto per tale passo” (75 anni: Cfr. CIC, can. 401). Il 2 gennaio 1989 il Papa faceva pervenire a Sua Ecc.za Mons. Gaetano Alibrandi una lettera autografa con il dono di un calice. Il 25 marzo 1990 è stato annoverato tra i membri della Congregazione per le Chiese Orientali. Morto a Castiglione di Sicilia il 04/07/2003, alle 02,00 ca.


mons-luigi-cannavòMons. Luigi Cannavò
Castiglione di Sicilia (CT) – 17/07/1827 Dardanelli 27/08/1907

“[…] Il 19 agosto del 1843, a 16 anni, entrò nell’Ordine dei Cappuccini, ricevendone l’abito nel Convento di San Marco, Provincia di Messina. Compiuti i suoi studi, ricevette a Palermo, l’ordinazione Sacerdotale il 26 Luglio 1850, a 23 anni; andò quindi a Roma e di là il 23 Aprile 1853 partì per la missione di Costantinopoli. Dopo soli 4 anni di permanenza in Turchia fu nominato dall’Arcivescovo di Smirne, Monsignor Mussabini, Parroco di San Policarpo in quella città. Il 22 Dicembre 1874 la Congregazione di Propaganda Fide lo nominò Vescovo di Candia. Il 17 Febbraio 1875 fu consacrato Vescovo dall’Arcivescovo di Smirne, Monsignor Spaccapietra, assistito da Monsignor Grasselli, Delegato Apostolico a Costantinopoli e da Monsignor Reynaudi, Vicario Apostolico di Sofia e Filippoli. Dopo 15 anni di pene e fatiche, Monsignor Cannavò, sentendosi affranto,  prese la risoluzione di pregare la Sacra Congregazione di Propaganda Fide di essere liberato dal governo della Diocesi. Nel 1889 Monsignor Cannavò lasciò la diocesi di Candia e si ritirò a Smirne. Sue occupazioni erano confessare, predicare, visitare gli infermi, mettere pace nelle famiglie e aiutare i poveri con quel poco che riceveva dalla Sacra Congregazione e dal Governo Italiano. Esercitò tale ministero per 18 anni sino alla tarda età di 80 anni, sino alla notte del 27 agosto 1907, quando in alto mare chiudeva i suoi giorni terreni. Una pleurisia cronica e un’affezione cardiaca spezzarono la fibra di monsignor Cannavò. Messo dentro una bara al suo arrivo ai Dardanelli, il corpo fu sbarcato e trasportato nella chiesa cattolica. Ivi ebbero luogo i funerali alla presenza del Corpo Consolare, capeggiato dal Vice-Console Francese, Girodroux, e dei cattolici del luogo. La sua salma fino al 24 Maggio 1952 aveva riposato in quel cimitero cattolico. Al mio giungere in Turchia, trovando benedetta la memoria del santo Vescovo  castiglionese, mi prefissi di riesumare il suo corpo, per darne più degna sepoltura. Dopo tre anni di lunghe e laboriose pratiche, finalmente potei sciogliere questo mio voto. Le sue ossa, composte in una triplice cassetta di legno, di metallo e ancora di legno, furono trasportate a Istanbul da persona di mia fiducia. Io stesso poi accompagnai il venerato deposito alla sua ultima dimora, la chiesa di Santo Stefano, per dove egli si era incamminato nel lontano 1907, per predicare gli esercizi ai giovani studenti cappuccini, e dove  egli aveva consacrato l’Altare Maggiore. Così dopo 45 anni il suo corpo poté raggiungere la meta del suo  cammino terreno. Nell’angolo sinistro del presbiterio della Chiesa di Santo Stefano, a Yeshilköy, in cornu evangelii, una lapide di marmo, che feci appositamente scolpire, indica il luogo dove riposa Monsignor Luigi Cannavò. L’iscrizione posta sulla lapide porta semplicemente:

MONSIGNOR LUIGI CANNAVO’
Cappuccino Vescovo titolare di Patara
Castiglione di Sicilia 17.VII.1827 – Dardanelli 27.VIII.1907”

Source: Mons. G. Alibrandi, Memorie storiche, 6-8.
Nascita: 25 marzo 1827 a Castiglione di Sicilia. Ordinato Vescovo di Creta il sette febbraio 1875. Ritiratosi il 17 febbraio 1889 (vescovo titolare di Patara). Morto all’età di 80.4 il 27 agosto 1907.


mons-guglielmo-giaquintaMons. Guglielmo Giaquinta

Noto (SR) 25/06/1914 – Roma 15/06/1994

Santi e Beati. Diocesi di Noto: “Nato a Noto il 28 giugno 1914, si trasferì con la famiglia a Roma. Ordinato sacerdote il 18 marzo 1939, venne inviato come viceparroco alla parrocchia Madonna dei Monti, dove rimase fino al 1948. Frequentò il Pontificio Istituto Giuridico dove si laureò in utroque iure. Verso la fine degli anni ’40, diede vita alle Oblate Apostoliche, laiche consacrate all’apostolato della santità, e ai Gruppi Pro Sanctitate. Tenne numerosissimi corsi di esercizi spirituali dettati a laici, a sacerdoti e alle oblate apostoliche, dedicandosi anche alla scrittura di numerosi articoli nel Segnalatore Ascetico e in altre riviste di spiritualità. Nel Vicariato di Roma, fu Difensore del vincolo e Giudice, Sostituto del Vicariato e responsabile dell’Ufficio disciplina e infine Segretario dello stesso Vicariato. Venne ordinato Vescovo il 1° novembre 1968, svolgendo il suo servizio a Tivoli, prima come Amministratore Apostolico e poi come Vescovo residenziale della diocesi tiburtina. Per una grave malattia il 25 giugno 1987 chiese al Papa di essere sollevato dall’incarico e il 1° novembre dello stesso anno ricevette il saluto commosso della diocesi. Morì il 15 giugno 1994. Lunedì 10 Marzo 2008″.


mons-giuseppe-cognataMons. Giuseppe Cognata
Agrigento – 14 ottobre 1885 Pellaro (RC) il 22 luglio 1972

Source: Santi e Beati

“La sua famiglia ad Agrigento, era dedita alla cultura e alla pubblica  amministrazione, più che alla vita cristiana. Giuseppe, secondogenito di Vitale Cognata e Rosa Montana nacque il 14 ottobre 1885 nella città dei Templi. Suo padre, affiliato alla massoneria, per la pressione della madre, donna di chiesa, inviò questo figlio, per gli studi secondari al Collegio salesiano San Basilio  di Randazzo. Lì trovò un santo salesiano, formato direttamente da Don Bosco, a fargli da guida. Peppino – così veniva chiamato in famiglia – nel 1900, ne uscì con la licenza ginnasiale e… la vocazione al sacerdozio nella Società Salesiana. Seguirono aspre lotte in famiglia, ma nel 1901, il ragazzo la spuntò sul padre, ossia sulla loggia massonica, ed entrò felice, tra i Salesiani. […]

Il Vescovo della Redenzione
L’11 marzo 1933, a 47 anni, è eletto Vescovo di Bova, nell’Aspromonte Calabrese, da papa Pio XI. A Bova, entra nel giugno 1933. È l’Anno Santo nel XIX centenario della Redenzione operata da Gesù sulla croce. La diocesi che gli è affidata, è una diocesi povera e difficile, con le parrocchie appollaiate tra le gole dell’Aspromonte, con una vita ancor quasi primitiva. Il clero scarso, assenti le suore per l’educazione dei piccoli e l’aiuto ai più poveri. È quasi tutto da fare. Monsignor Cognata chiede consiglio al papa Pio XI per far fronte. Il Papa lo incoraggia a dar vita ad iniziative nuove con l’agilità e l’arditezza di San Giovanni Bosco che lui ha conosciuto di persona all’Oratorio di Valdocco. Il giovane Vescovo prega, si consiglia e così già il 17 dicembre 1933, a soli sei mesi dal suo ingresso, dà inizio alle Suore Salesiane Oblate del Sacro Cuore. […]

Sul Calvario
Sette meravigliosi anni di episcopato, trascorsi nel modo appena descritto. Poi attorno a lui, si scatena la bufera. Si era offerto vittima e Dio lo prende in parola, permettendo per lui una prova durissima, di eccezionale durata e pesantezza, una croce legnosa e trafiggente per lunghissimi anni. Contro di lui, arrivano aspre calunnie che giungono fino al Papa. Pio XI prende le sue difese. Seguono malcontenti interni al suo Istituto e una ribellione al Vescovo fondatore da parte di alcune Oblate che lasciano l’Istituto e pensano di fondarne un altro. Mons. Cognata interviene come padre e superiore, ma gli viene giurata vendetta. Partono altre calunnie e denunce. Una bufera contro di lui, senza limiti, in cui il suo sacrificio tocca il vertice. Gli viene proibito il governo del suo Istituto e il 5 gennaio 1940 si vede obbligato a rinunciare alla diocesi. […] Va a vivere con i confratelli salesiani a Castello di Godego (Treviso), accettando il suo nuovo stato di vita come compimento di un voto fatto a Dio per ottenere la grande grazia della conversione di suo padre. È sacrificio fecondo, come il seme caduto in terra che porta molto frutto: suo padre ritorna alla fede, anche se non c’è il figlio ad assisterlo nella sua agonia.
Quante altre anime siano tornate a Dio per il suo sacrificio, solo Dio lo sa. Per 32 anni, fino alla morte, Mons. Giuseppe Cognata vive nel nascondimento, nella preghiera, nell’umile e fecondissimo lavoro sacerdotale, soprattutto di direttore spirituale, in perfetta oblazione sacrificale di sé, come Gesù sulla croce. […]
Ma nel 1962 chi l’aveva calunniato, prima di morire ritratta tutto quello che aveva detto contro di lui. Così, con immensa gioia, il papa Giovanni XXIII lo riabilita e Mons. Giuseppe Cognata può partecipare al Concilio Vaticano II. Il 29 gennaio 1972, ha la gioia di vedere l’Istituto che ottiene il pieno riconoscimento pontificio. Viene invitato a Roma, dove non può mancare per quell’ultima festa dedicata a lui, che ha versato lacrime  di sangue, ma che ora viene riconosciuto come Fondatore.
Da Roma si reca a Pellaro, là dove 40 anni prima era nata la sua Opera. Il 22 luglio 1972, Mons. Cognata va all’incontro con Dio: Al Signore  è piaciuto prostrarlo con dolori, ma quando offrirà se stesso in espiazione, vedrà una discendenza e si compirà per mezzo suo la volontà del Signore (Is 53,10). Autore: Paolo Risso”.

Muore a Pellaro (RC) il 22 luglio 1972.


mons-paolo-pappalardoMons. Paolo Pappalardo
Buccheri (SR) – 18 febbraio 1903 Frascati 6 agosto 1966
SourceDiocesi di Noto:

“Nato a Buccheri il 18 febbraio 1903, conseguì la laurea in Teologia. Al termine dei suoi studi Mons. Vizzini lo richiamò a Noto per affidargli l’insegnamento di lettere al Ginnasio Superiore e la guida per una camerata di Seminaristi. Consacrato Sacerdote il 15 agosto 1925, rimase insegnante di latino e greco in Seminario.
Si trasferì a Catania per assistere il Vescovo che nel 1927, in seguito ad un incidente, si era fratturato l’omero e alcune vertebre. Terminato questo delicato momento, comincia il servizio di don Pappalardo presso la Santa Sede. Nel 1933 risulta Protocollista della Sezione Liturgica della Congregazione per le Chiese Orientali; nel 1934, ne diventa Archivista e nel 1935 Minutante.
Il 15 settembre 1938 viene nominato Cameriere segreto soprannumerario. Nel 1946, pur rimanendo Minutante, risulta Regente ad interim della Delegazione Apostolica in Iran, il 7 agosto 1948, viene nominato egli stesso Delegato Apostolico, sempre in Iran (allora Persia) e promosso a Vescovo titolare di Apamea di Siria ed inviato come Nunzio Apostolico in Iran, con sede a Teheran: la sua consacrazione episcopale avvenne il 29 settembre 1948. Nel 1949, pur rimanendo Delegato Apostolico, fu nominato Amministratore Apostolico di Ispahan dei Latini. Il 19 marzo 1953 fu nominato Internunzio Apostolico in Siria (dove rimane fino al 1962) e il 14 luglio Amministratore Apostolico del vicariato di Aleppo. Nell’anno dell’elezione del Papa Giovanni XXIII, l’Arcivescovo Pappalardo fu costretto da una paresi a rientrare a Roma e a ricoverarsi presso l’Ospedale di Frascati; qui assistito dai Religiosi di Don Orione, morì il 6 agosto 1966.”


mons-giorgio-scarsoMons. Giorgio Scarso
Modica (RG) 13 agosto 1916 – 28 ottobre 2015

Avvenire L’8 dicembre 1967 fu eletto Vescovo di Patos de Minas, in Brasile. “A 22 anni era entrato nell’ordine dei frati cappuccini della provincia religiosa di Siracusa e 4 anni più tardi fu ordinato sacerdote. Finita la Seconda guerra mondiale, partì con la nave per il Brasile, assecondando la sua vocazione missionaria. Arrivò nella missione di Rio de Janeiro Espiritu Santo, affidata alla  Provincia dei Frati Minori Cappuccini di Siracusa, dove viene nominato parroco nella città di Mantena. Ricopre questo ufficio per 20 anni, operando per la salvezza delle anime  ma anche nel campo della solidarietà umana. .A Mantena costruisce la chiesa madre, un ospedale, un asilo per  60 bambini poveri ed abbandonati, un ginnasio. È instancabile nella sua opera di animatore della comunità e dà  persino vita ad una banda musicale. Nel 1967 viene nominato vescovo della diocesi di Patos de Minas,  stesa più dell’intera Sicilia. È una diocesi grande, ma anche priva di qualsiasi infrastruttura, ove ci si sposta con enormi difficoltà. Monsignor Scarso fonda un seminario con cento posti e il giornale diocesano; fa costruire una grande sala per assemblee che chiama Casa del Padre e dà vita alla costruzione di tre lavanderie popolari, tre ambulatori dentistici, una scuola di artigianato nella città di Patrocinio e della Casa del bambino abbandonato nella città di Araxà. Si batte, con successo, affinché Patos de Minas abbia l’Università. Per due anni, oltre alla propria diocesi, ne regge, come amministratore apostolico, un’altra più grande, quella di Paracatù. Quando al compimento dei 75 anni presenta le dimissioni, la diocesi conta 70 sacerdoti. Diventato vescovo emerito, torna in Italia nella sua Modica e dà la sua disponibilità al vescovo diocesano per continuare a lavorare. Il vescovo di Noto lo nomina cappellano dell’ospedale maggiore di Modica dove eserciterà fino a quasi novant’anni il ministero sacerdotale  in mezzo all’umanità sofferente. Gli ultimi anni della sua quasi centenaria vita li trascorre nel convento dei Frati Minori Cappuccini della sua amata città di Modica.”.

Morto il 28 ottobre 2015 all’età di 99 anni.


mons-antonio-corsettoMons. Antonio Corsetto

Noto (SR) – 14501503
“Giurista e Vescovo di Malta”
Noto (SR) – 1450.  Per interessi culturali si trasferi a Bologna per fequentare  la più famosa università italiana di allora  frequentando corsi  di studio di diritto e conseguendo il dottorato il 10 ottobre 1479. Nel 1487  si trasferi a Padova. Nel 1500 il papa Alessandro VI lo nominò Giudice della Sacra Rota Romana. Molto stimato dal Re Ferdinando il Cattolico, con un decreto reale emesso da Granada nel 1501, fu nominato vescovo di Malta, nomina ratificata da papa Alessandro VI nel concistoro del 20 dicembre 1501. Il 15 gennaio 1502 ricevette la nomina di abate dell’Abbazia dei Padri Cistercensi di Santa Maria  dell’Arco che era di regio patronato. Non e’ chiara la data  della sua morte poichè  il Mongitore la considera avvenuta nell’Agosto-Settembre 1503, mentre in una lettera del papa Giulio II inviata al Re Ferdinando II il Cattolico testimonia  che la morte avvenne nell’ottobre 1503.

Eletto vescvo di Malta il 20 dicembre 1501.


mons-sebastiano-nicotraMons. Sebastiano Nicotra
Sant’Alfio (CT) – 31 agosto 1855 – 21 maggio 1929
Nunzio Apostolico emerito in Portogallo. Morto il 21 maggio 1929.

 

 

 

 

 

 


mons-salvatore-astaMons. Salvatore Asta
Alcamo (TP) 17 gennaio 1915 – 30 dicembre 2004
Ordinato presbitero il 25 luglio 1938. Consacrato arcivescovo il 25 novembre 1962. Deceduto il 30 dicembre 2004.

 

 

 

 

 


Mons. Ernesto Maria Fiore
Troina (EN) 02 luglio 1918 – 30 ottobre 2001.
Arcivescovo titolare di Novi, Decano Emerito del Tribunale della Romana Rota.

Ordinato sacerdote a Nicosia il 07 giugno 1941. Il 6 giugno 1985 nominato decano della Sacra Rota. Il 16 dicembre 1991 nominato arcivescovo Titolare di Novi. Il 6 gennaio 1992 riceve l’ordinazione episcopale. Il 2 luglio 1993 lascia l’incarico di Decano della Sacra Rota. Morto il 30 ottobre 2001.


mons-antonio-maria-travia

Mons. Antonio Travia

Palermo – 01 gennaio 1914 – 05 febbraio 2006

Ordinato sacerdote l’11 luglio 1937. Il 16 dicembre 1968 nominato Elemosiniere di Sua Santità. Il 6 gennaio 1969 viene ordinato Arcivescovo Titolare di Termini Imerese. Morto il 05 febbraio 2006.

 

 

 

 

 


card-mariano-rampolla-del-tindaroCard. Mariano Rampolla del Tindaro

Polizzi Generosa, 17 agosto 1843 – Roma, 16 dicembre 1913
Cardinale Segretario di Stato di Leone XIII.

 

 

 

 

 

 


card-scipione-rebibaCard. Scipione Rebiba

San Marco d’Alunzio (ME) – 03 febbraio 1504. Roma – 23 luglio 1577

 

 

 

 

 

 

 


mons-lorenzo-giacomo-ingleseMons. Lorenzo Giacomo Inglese

Salemi (TP) 22 luglio 1884 Palermo – 19 gennaio 1951

 

 

 

 

 

 

 


mons-alberto-vassallo-di-torregrossaMons. Alberto Vassallo di Torregrossa

San Cataldo (CL) 28 dicembre 1865 – 07 settembre 1959

 

 

 

 

 

 

 


Mons. Antonio Caff

Catania 09 luglio 1833 – 12 ottobre 1885

Vesovo Titolare di Diocesarea, Ausiliare di Catania.

Ordinato sacerdote della diocesi di Catania il 19 dicembre 1857. Eletto vescovo ausiliare di Catania il 3 luglio 1882 (vescovo titolare di Diocesarea di Palestina), ordinato il 15 agosto 1882.

 

 

 

 


mons-giovanni-cirinoMons. Giovanni Cirino

Nato a  Nicosia il 18 Marzo 1805 – 12 Maggio 1896

Vescovo Titolare Derbe, Arcivescovo di Ancira (08.11.1884), Ausiliare di Palermo e Vicario Generale.

Ordinato sacerdote il 22 settembre 1827. Eletto vescovo ausiliare di Palermo il 22 novembre 1869 (vescovo titolare di Derbe), ordinato vescovo il 30 novembre 1869.

 

 

 

 


mons-giacomo-daddiMons. Giacomo Daddi

Palermo 21 dicembre 1827 – 1897

Vescovo Titolare di Sinopoli, Ausiliare di Palermo. Ordinato sacerdote il 2 luglio 1853.

 

 

 

 

 


mons-filippo-aglialoroMons. Filippo Aglialoro

Ventimiglia di Sicilia (PA) 02 dicembre 1900  – Palermo il 04 febbraio 1988

Vescovo Titolare di Germa in Galazia, Ausiliare di Palermo. Ordinato sacerdote il 14 aprile 1923.

 

 

 

 

 

 


card-giuseppe-maria-tomasiCard. Giuseppe Maria Tomasi (1)

Licata 12 settembre 1649  – Roma il 01 gennaio 1713

 

 

 

 

 

 

 


mons-giovanni-rizzoMons. Giovanni Rizzo

Montedoro 11 novembre 1890 – 13 novembre 1980

Arcivescovo di Rossano Calabro (CS) dal 13 gennaio 1949 al 18 novembre 1971. Vescovo Titolare di Lysias (1946.05.28 – 1949.01.13) – Vescovo Ausiliare di Palermo (1946.05.28 – 1949.01.13).

 

 

 

 

 


mons-ignazio-cafisiMons. Ignazio Cafisi

Favara 23 settembre 1762  – 10 aprile 1844

Vescovo titolare di Eno, Vescovo ausiliare di Agrigento. Ordinato sacerdote il 23 dicembre 1786.

 

 

 

 

 

 


card-antonino-saverio-de-lucaCard. Antonino Saverio De Luca

Bronte 28 ottobre 1805  – Roma 28 dicembre 1883

“Studiò nei seminari di Monreale e di Napoli e greco e latino a Palermo. Frequentò quindi l’Università di Lovanio in Belgio, ove si laureò in teologia nel 1839.
Trasferitosi a Roma, fu ordinato sacerdote il 10 febbraio 1839. Ricoprì numerose cariche nelle istituzioni della Curia Romana e nel 1845 fu consacrato vescovo e nominato alla guida della sede episcopale di Aversa. Nel 1853 lasciò la diocesi di Aversa, venne nominato arcivescovo titolare di Tarso ed inviato in Baviera come nunzio apostolico fino al 1856, quando divenne nunzio apostolico per l’Austria, carica che lasciò allorché papa Pio IX lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 16 marzo 1863, con il titolo dei cardinale presbitero dei Santi Quattro Coronati. Il 1º ottobre 1863 fu decorato cavaliere di Gran Croce dell’Ordine Reale di Santo Stefano d’Ungheria. Partecipò al Concilio Vaticano I ed al conclave del 1878 che elesse papa Leone XIII. Il 15 luglio 1878 optò per il titolo di cardinale vescovo di Palestrina e ricevette in commendam anche San Lorenzo in Damaso. Il 13 agosto fu nominato prefetto della Sacra Congregazione degli Studi, carica che tenne fino alla morte. Morì all’età di 78 anni e venne sepolto nel Cimitero del Verano in Roma.” [Wikipedia]


Mons. Giuseppe Masi

Nato a Mezzojuso il 12 gennaio 1826 – 11 Aprile 1903

Vescovo titolare di Tempe, da Mezzojuso.


Mons. Agostino Franco

Nato a Mezzojuso nel 1823 – 1877

Vescovo titolare di Ermopoli, da Mezzojuso, (1860-1877)


Mons. Giuseppe Crispi

Nato a Palazzo Adriano il 30 luglio 1781 – 10 settembre 1859

Vescovo titolare di Lampsaco. Ordinato sacerdote il 26 maggio 1808.


Mons. Francesco Chiarchiaro

Nato a Palazzo Adriano il 7 marzo 1748 – 1834

Vescovo titolare di Lampsaco. Ordinato sacerdote il 25 novembre 1772.


Mons. Giuseppe Guzzetta

Nato a Piana degli Albanesi il 29 maggio 1731 – 1813

Vescovo titolare di Lampsaco.Ordinato sacerdote nel dicemrbe 1754.


Mons. Giorgio Stassi

Nato a Piana degli Albanesi il 26 marzo 1712 – 26 marzo 1802

Vescovo titolare di Lampsaco. 


Mons. Pietro Corsetto

Morto il 23 ottobre 1643

Eletto vescovo di Cefalù il 21 giugno 1638, consacrato il 24 giugno 1638.


Mons. Giambattista Di Quattromons-Gianbattista-diquattro

[Wikipedia] Nasce a Bologna  il 18 marzo 1954 e riceve l’ordinazione presbiterale il 24 agosto 1981 dal vescovo Angelo Rizzo per la diocesi di Ragusa. Frequenta la Pontificia Accademia Ecclesiastica ed entra nel servizio diplomatico della Santa Sede. Il 2 aprile 2005 è nominato da papa Giovanni Paolo II nunzio apostolico a Panama e viene dunque elevato ad arcivescovo titolare di Giromonte. Riceve la consacrazione episcopale il 4 giugno 2005 dal cardinale Angelo Sodano, co-consacranti Paolo Romeo e Paolo Urso. Il 21 novembre 2008 papa Benedetto XVI lo nomina nunzio apostolico in Bolivia. Il 21 gennaio 2017 papa Francesco lo nomina nunzio apostolico in India e Nepal.

 

 


Mons. Vincenzo Velardita

Nato a Piazza Armerina il 27 giugno 1794

Vescovo Ausiliare di Piazza Amerina
“… Dal 1834 al 1837 e dal 1838 al 1844 mons. Vincenzo Velardita, arcidiacono della Cattedrale, diventa vescovo ausiliare della Diocesi essendo lui titolare in partibus di Gortina (isola di Creta). Nel 1838 e nel 1840 è nuovamente vescovo ausiliare della Diocesi.”

Ordinato sacerdote il 6 marzo 1819.


Mons. Guglielmo Stagno


Nato a Messinail 14 novembre 1746 – 31 marzo 1801

 Vescovo Ausiliare di Messina. Ordinato sacerdote il 16 marzo 1771. Vescovo titolare di Theveste.


Mons. Stagno di Alcontres, Guglielmo

Nato a Messina il 27 novembre 1841  1904

 Vescovo Ausiliare di Messina. Ordinato sacerdote il 18 ottobre 1868. vescovo titolare di Arabissus.


Mons. Tommaso del Pozzo

Nato a Castroreale il 18 gennaio 1706 – 2 maggio 1796

Vescovo Ausiliare di Messina. Ordinato sacerdote il 22 settembre 1731. Vescovo titolare di Antipatris.


Mons. Cesare Muni-Forno

Nato a Palermo il 21 marzo 1746

Vescovo Ausiliare di Messina. Ordinato sacerdote il 16 marzo 1771. Vescovo titolare di  Chrysopolis in Arabia.


Mons. Pietro Gioeni

Nato a Palermo il 9 ottobre 1698 – 13 Dicembre 1761

 Vescovo Ausiliare di Agrigento. Ordinato sacerdote il 28 settembre 1721. Vescovo titolare di Assuras.


Mons. Vincenzo Maria Jacono

Nato a Siculiana il 9 ottobre 1898 – 16 Settembre 1993

Vescovo di Nicastro (1955-1971). Vescovo Ausiliare di Agrigento (1950-1954). Ordinato sacerdote il 21 maggio 1921. Vescovo titolare di Lambaesis. Vescovo coadiutore del Vescovo di Nicastro (1954-1955). Ritiratosi il 20 aprile 1971, vescovo titolare di Patara.


mons-calogero-licata

Mons. Calogero Licata

Nato ad Aragona il 20 ottobre 1872 – 25 Agosto 1924

Vescovo di Teano-Calvi

“[…] – I Vescovi del periodo fascista

Nel 1916 (si era nel pieno della Grande Guerra) fece il suo ingresso in diocesi il siciliano Mons. Calogero Licata: temperamento esuberante, energico, intelligenza acuta, vasta cultura. Stroncò energicamente alcuni scandali troppo a lungo tollerati. Convinto che l’esistenza di due seminari fosse un danno, sia economico che educativo, sacrificò il seminario di Visciano che era costato tanti sacrifici al vescovo Giordano. Ebbe naturalmente forti opposizioni e dispiaceri, ma nel 1921 riuscì ad unire i due seminari in uno con sede a Teano. Dopo di che pensò di migliorare i locali. Nel 1924 morì proprio mentre si stava provvedendo ai lavori di ristrutturazione del seminario teanese: cadde da una impalcatura. Tra le cose più importanti da lui compiute, segnaliamo una Lettera pastorale sugli abusi introdotti nella celebrazione delle feste religiose; un’altra ne stava scrivendo sull’insegnamento del catechisma.”

ASSOCIAZIONE “ERCHEMPERTO” – TEANO

Calogero Licata (14 Apr. 1916 – 25 Ago. 1924)

Al posto di Mons. Albino Pella la S. Sede elesse allora (1916) vescovo di Teano un prelato della curia romana dalla forte personalità, Mons. Calogero Licata, siciliano di Aragona. Avvocato rotale, dottore in teologia, Sostituto della S. Penitenzeria Apostolica e consultore della S. Congregazione per i Religiosi, Mons. Licata aveva appena 44 anni e un brillante curriculum. Sembrava proprio destinato a più alti uflici.
Con grande prudenza e fermezza pose mano a una vera riorganizzazione della diocesi. Ottenne dapprima l’indulto definitivo di risiedere stabilmente a Teano, poiché dall’epoca dell’unione delle due diocesi i vescovi risiedevano sei mesi a Teano e sei mesi a Pignataro con gli immaginabili inconvenienti di una doppia dimora. Passò quindi a unificare i due seminari di Calvi e di Teano, che richiedevano, in termini di corpo docente e di risorse economiche, oneri insostenibili. A Calvi, il nuovo edificio del seminario, fatto costruire pochi anni prima da Mons. Giordano, diventerà poi sede di una nuova casa dei Passionisti che vi istituiranno la Scuola Apostolica della congregazione.

L’edificio del Seminario di Teano esigeva però grosse opere di ampliamento e il prelato vi pose subito mano. ll 25 agosto 1924, mentre ispezionava i lavori, precipitò da un solaio in costruzione morendo sul
colpo. Memorabile fu un suo documento pastorale sulle feste religiose, stampato in Napoli, che dette spunto a molti vescovi per intervenire in quel delicato settore della religiosità popolare.


Tommaso da Lentini / AGNI, Tommaso

Source: Dizionario Biografico degli Italiani – Volume 1 (1960)
 

AGNI, Tommaso (Thomas de Lentino). – Nato a Lentini (Siracusa) sul principio del Duecento, inviato da Gregorio IX a predicare a Napoli, stabilì, alla fine del 1231, nel convento e chiesa di S. Arcangelo, già dei benedettini, una comunità domenicana, detta poi di S. Domenico Maggiore; ne era priore quando, verso il 1243 ricevette nell’Ordine Tommaso d’Aquino. Nel 1253 fu designato elettore del futuro maestro generale, Umberto de Romanis (Buda, 31 maggio 1254); poi di-resse per qualche tempo la provincia domenicana romana. Nominato dal pontefice Alessandro IV, vescovo di Betlemme e legato della S. Sede in Terra Santa, vi giunse nella primavera del 1259 e si trovò subito implicato nelle contese tra Genovesi, Pisani e Veneziani, nei contrasti tra Templari ed Ospitalieri di S. Giovanni, e tra gli stessi Ospitalieri ed il vescovato di Nazareth. Cercò anche di metter pace …


Mons. Giuseppe Schirò

Nato ad Piana degli Albanesi il  1690 – 2 Dicembre 1769

Archbishop of Durrës (Durazzo) (Albanian)Albania


Archbishop Giuseppe Schirò

Nato ad Contessa Entellina il primo gennaio 1846 – 1 Agosto 1927

Titular Bishop of GadaraTitular Archbishop of Neocaesarea in Ponto.


 

 

Mons. Michele Alagna Foderá, SDB

Nato ad Marsala il 23 gennaio 1913 – 11 gennaio 2002

Titular Bishop of Furnos MaiorBishop of Rio NegroBrazilBishop of São Gabriel da Cachoeira, Amazonas, Brazil.

“Monsignor Michele Foderà nato nel 1913 come tanti bambini marsalesi entrò nel collegio salesiano della nostra Città. Venne successivamente ammesso al noviziato che svolse a San Gregorio di Catania dove nel 1931 fece la sua prima professione, Subito dopo partì missionario in Brasile dove divenne sacerdote salesiano nel 1937. Dal 1945 al 1967 prima della sua nomina a Vescovo prestò servizio nella Casa di Santa Teresa di Corumbà, ricoprendo diversi incarichi. Nel 1967 fu elevato al grado di Vescovo di Rio Negro da Monsignor Sebastiano Baggio.

Fu pastore di un territorio grande quanto l’Italia e nel 1981 fu nominato Vescovo di San Gabriel de Cachoeira dove rimarrà fino al 1988, anno della fine del suo mandato pastorale. Intensa fu la sua attività a San Gabriel dove riuscì a costruire anche un ospedale. Un vero missionario, Don Michele Foderà, che non ebbe nessun timore e nessuna paura a lavorare nella foresta Amazzonica fra mille insidie. Ritornato a Marsala nel 1988, morì successivamente il 10 gennaio del 2002. I funerali furono celebrati dall’allora cardinale De Giorgi, primate della Chiesa di Sicilia.” (Marsalalive.it)


Mons. Benedetto Maria Salvatore Chianetta

Nato a Favara il 29 ottobre 1937

Abbot of Santissima Trinità di Cava de’ TirreniItaly. Ordinato sacerdote l’otto luglio 1961.

 

 

 

 

 

 


Mons. Francesco di Paola Berretta

Nato a Catania il 14 giugno 1761

Auxiliary Bishop of Catania / Titular Bishop of Hippo Diarrhytus. Ordinato sacerdote il 24 settembre 1785.


Gravina Luzzena, Pietro

Nato a Catania il 6 marzo 1763

Auxiliary Bishop of Catania / Titular Bishop of Akka. Ordinato sacerdote il 24 marzo 1787.


Mons. Giovanni Fortunato Paternò

Nato a Catania il 5 ottobre 1757 – 8 marzo 1834

Auxiliary Bishop of Catania / Titular Bishop of Orthosias in Caria. Ordinato sacerdote il 5 aprile 1783.


mons-giovanni-saloniaMons. Giovanni Salonia

Nato a Ragusa il 27 settembre 1947

Vescovo Ausiliare di Palermo. Nominato Auxiliary Bishop of PalermoItaly il 10 febbraio 2017, Titular Bishop of Buthrotum. Rinuncia il 27 aprile 2017.

Rev. P. Giovanni SALONIA OFM Cap. già ministro provinciale della Provincia di Siracusa

Il Rev.do P. Giovanni Salonia è nato a Ragusa il 27 settembre 1947. E’ entrato nell’Ordine dei frati minori cappuccini (provincia di Siracusa) il 29 settembre 1962. Ha emesso i voti temporanei il 4 ottobre 1963 e i voti perpetui il 1 novembre 1968. Ha compiuto gli studi negli istituti interni dei frati minori cappuccini. E’ stato ordinato sacerdote il 3 luglio 1971. Ha conseguito la licenza in Teologia con l’indirizzo in spiritualità presso il Pontificio Ateneo Antoniano di Roma; la licenza in Scienze dell’educazione presso il Pontificio Ateneo Salesiano di Roma e la Specializzazione in psicoterapia della Gestalt, conseguita presso il Gestalt training Center S. Diego California. Ha diverse pubblicazioni nel campo della formazione e della psicoterapia. La diocesi di origine è Ragusa quella a cui appartiene e ha dimorato negli ultimi anni è Noto. Ha svolto i seguenti incarichi: 1978-1981: direttore degli studenti cappuccini a Ragusa 1980-1986: definitore provinciale 1989-1991: vicario provinciale 1991-2001: ministro provinciale provincia di Siracusa 2001-2007: superiore e maestro dei post-novizi a Modica; 2007-2010: ministro provinciale provincia di Siracusa Attività: • Nel settore della formazione e della comunicazione nella vita religiosa; • Docente di consulenza pastorale in vari seminari; • Docente di psicologia e di pastoral counselling nella Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia (Palermo); • Codirettore della scuola postuniversitaria di specializzazione in psicoterapia della Gestalt HCC Kairòs (Ragusa – Roma – Venezia) • Docente incaricato nella pontificia università “Antonianum”; • collabora al corso di Diploma di pastorale familiare presso la Pontificia Università Gregoriana; • Docente Istituto Teologico san Paolo (Catania); • Docente di psicologia sociale LUMSA (Palermo); • Direttore consultore familiare OASI CANA (Palermo); • Direttore della rivista internazionale on-line GTK; • Direttore dei master universitari di secondo livello in pastoral counselling (gestiti da Istituto di Gestalt GTK e Università Cattolica del Sacro Cuore). Event: Birth Place (Ragusa), Ordained Bishop (Cathedral, Palermo, Archdiocese of Palermo)


mons-guglielmo-giombancoMons. Guglielmo Giombanco

Nato a Catania il 15 settembre 1966

Ordinato Presbitero da S.E.R. Mons. Giuseppe Malandrino il 7 settembre 1991 nella Chiesa Madre di Piedimonte Etneo. Alunno del Seminario Vescovile, minore e maggiore, di Acireale dal 1980 al 1986 e successivamente del Pontificio Seminario Romano Maggiore dal 1986 al 1991. Frequenta a Roma la Pontificia Università Lateranense dove consegue i gradi accademici di Baccellierato in Teologia, Licenza e Dottorato in Utroque Iure. Consegue anche il Diploma di prassi amministrativa canonica presso la Congregazione per il Culto e i sacramenti. Eletto vescovo di patti il primo febbraio 2017, consacrato il 20 aprile 2017.

 

 


Antonio Maria (Niccolò) Cardinal Panebianco, O.F.M. Conv.

card-Antonio-Mari- (Niccolò)-PanebiancoSource: https://it.wikipedia.org/wiki/Antonio_Maria_Panebianco

Antonio Maria Panebianco (nato Nicolò Panebianco) nacque a Terranova di Sicilia il 13 agosto 1805 dal conte Gaetano e da Santa Solito. All’età di sedici anni entrò nell’Ordine dei Frati Minori Conventuali. Dopo aver compiuto gli studi nella città natale si trasferì a Roma per conseguire la laurea dottorale. Ritornato a Terranova iniziò la sua attività pastorale ricoprendo nel 1832 l’incarico di guardiano del convento dell’ordine. In questo periodo Fra’ Antonio ricoprì anche le cariche di Segretario dell’Ordine e della provincia e Assistente generale e più tardi, nel 1852, ricevette quelle di Ministro provinciale della Sicilia. Fu professore di lettere, filosofia e teologia dogmatica in diversi conventi dell’Ordine, prima dell’insegnamento di Discipline Morali a Catania. Nel 1853 fu chiamato a Roma dal papa e nominato consultore del tribunale dell’Inquisizione; successivamente questa carica fu estesa anche ai Sacri Riti e gli Affari Ecclesiastici straordinari. Infatti, con quest’ultima carica fu inviato in Romania per sanare una controversia sui matrimoni tra coniugi di diversa fede religiosa. Grazie alle “sue nobili qualità di mente e di cuore che lo adornarono: intelligenza elevata, profondità di sapere, dirittura di mente, destrezza mirabile di consiglio, imparzialità nei giudizi. E queste doti, congiunte ad una rara modestia e ancor più rara semplicità di modi, gli conciliavano fiducia, rispetto e venerazione”[1], il 27 settembre 1861 papa Pio IX lo creò cardinale presbitero, divenendo l’unico cardinale in quel periodo eletto in Sicilia, con il titolo di San Girolamo degli Schiavoni che rinunziò il mese dopo per prendere quello dei Santi XII Apostoli. Il 23 aprile 1863 divenne prefetto della congregazione delle indulgenze e delle reliquie e dal 30 marzo 1882 al 25 gennaio 1883 fu segretario della congregazione dell’inquisizione. Morì a Roma il 21 novembre 1885 e sepolto al Verano nella tomba dei frati del suo Ordine. 

Member of Order of Friars Minor Conventual. Cardinal-Priest of San Girolamo dei Croati. Cardinal-Priest of Santi XII ApostoliPrefect of the Congregation for Indulgences and RelicsMajor Penitentiary of the Apostolic PenitentiarySecretary of the Congregation for Universal Inquisition.


Mons. Romolo Genuardi
Nato a Palermo il 1° maggio 1883. Morto all’età di 52.7 anni il 16 gennaio 1936

Auxiliary Bishop of PalermoItalyTitular Bishop of Pharsalus

 “La famiglia  GENUARDI

Di questa antica famiglia notiamo un Ignazio, senatore del Regno d’Italia dal 9/11/1872; un Gerlando, Vescovo di Acireale dall’11/8/1872 al 4/6/1907; un Antonio nato a Girgenti il 3/2/1942 che fu di Barone di Molinazzo titolo che trasmissie agli eredi, secondo l’antico diritto siciliano.

Per successione a casa Rotolo sono iscritti a Libro d’oro il figliolo entro genito del detto Antonio, Luigi e i fratelli dello stesso Antonio, Gerlando, Maria Stella, Adriana.

Il ramo dei Genuardi di Alessandria parte dal matrimonio di Maria Udienza Inglese, appena tredicenne, col Barone Genuardi di Agrigento dal quale ebbe sette figli: il Barone Ignazio, l’ingegnere Peppino, il giudice Gioacchino, l’illustre giurista Luigi, Gerlando, Annetta ed il vescovo Romolo che scomparve alla venerazione della nostra Diocesi nell’età di 52 anni, essendo nato a Palermo il 1° maggio 1883.

Mons. Romolo venne educato alla vita chiericale dallo zio mons. Gerlando, Vescovo di Acireale, per quale ebbe sempre viva gratitudine e filiale affetto avendone ricevuto l’ordinazione sacerdotale; intraprese e compì i suoi studi nell’alma di Roma, conseguendo la Laurea in Teologia nel seminario Capranicense.

Appena ritornato in Palermo il Cardinale A. Lualdi lo nominò Ass. Eccles. Del Circolo Universitario. Fu un insigne oratore e un confessore illuminato, nonchè un arguto scrittore, fu altresì insegnante nel Corso Teologico, Direttore spirituale di Istituti e Pie società, diplomatico e Preside del Tribunale Ecclesiastico.

Fu nominato Vescovo titolare di Farsalo il 3 luglio del 1931 dal S. Padre Pio IX. Morì il 16 gennaio 1936.


mons-cesare-di-pietroMons. Cesare di Pietro
Nato a  Messina il 12 marzo 1964.

Auxiliary Bishop of Messina-Lipari-Santa Lucia del MelaItaly. Titular Bishop of Nicopolis ad Iaterum

Source: Mons. Cesare  Di Pietro, Vescovo Ausiliare
Profilo biografico
Dopo gli studi classici al Liceo “G. La Farina”, si è laureato in Giurisprudenza all’Università di Messina. Per sei anni ha rivestito la carica di Presidente diocesano della Gioventù maschile di Azione Cattolica. Nel 1991, entrato nel Seminario Arcivescovile, ha frequentato l’Istituto Teologico “San Tommaso” per la formazione al sacerdozio, che ha ricevuto da S.E. Mons. Giovanni Marra i1 25 ottobre 1997.Mons. Cesare  Di Pietro è nato a Messina il 12 marzo 1964, da buona famiglia.

Ha conseguito il Dottorato in Storia della Chiesa presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma (2008) e ha frequentato il corso biennale di Paleografia, Archivistica e Diplomatica in Vaticano. Nel 2017 ha ottenuto la licenza in Diritto Canonico alla Lateranense.

Incarichi pastorali più significativi da lui svolti:

1999-2005: Segretario particolare dell’Arcivescovo Mons. Giovanni Marra;

2005-2010: Addetto di Segreteria della Congregazione per i Vescovi e collaboratore Pastorale nella Parrocchia S. Pio V di Roma.

Dal 16 agosto 2010 a1 02 febbraio 2018: Rettore del Seminario Arcivescovile “San Pio X” di Messina. Dal 2014 al 2017 Direttore dell’lSSR “S. Maria della Lettera” di Messina.

Dal 15 agosto 2017 è Vicario Generale dell’Arcidiocesi di Messina-Lipari-Santa Lucia del Mela.

Dal 2009 Cappellano di Sua Santità.

É membro della Commissione diocesana per gli Ordini e i Ministeri.
Ha pubblicato la sua tesi di laurea su “Domenico de’ Dominicis (1416-1478) vescovo riformatore” e un volume sulla vita del Beato “Don Giuseppe Puglisi”.


mons-salvatore-di-pietroMons. Salvatore Di Pietro, S. J.
Nato a Palermo il 15 giugno 1830 – Morto a Belize il 23 agosto 1898

Vicar Apostolic of British Honduras, Belize.

Source: Wikipedia
“Missionary to Central America
Salvatore di Pietro was born in Palermo, Italy, on 15 June 1830. He entered the Society of Jesus (Jesuits) in October 1845 and was ordained a priest on 2 June 1859. He arrived in British Honduras (now known as “Belize”) on 22 March 1869.[1] On May 12[when?] he suffered an attack of yellow fever. His superiors transferred him to Guatemala, where he preached missions to the Garifuna. He was appointed head of the missions in northern Guatemala, but along with 80 other Jesuits fled the country in September 1871 when the Liberals gained control and persecuted the Catholic Church.[2]:118 In 1872 president Jose Maria Medina invited him to Spanish Honduras to found a college in the capital Comayagua. He began by preaching missions in Omoa and San Pedro Sula. However, the Liberals took control of Spanish Honduras also and he returned to Belize.[…]”

Priest of Society of Jesus. Prefect of British Honduras, Belize. Titular Bishop of Euroea in Epiro


 

Annunci