Amiamo la nostra Chiesa (05.11.2005)

Amiamo la nostra Chiesa (05.11.2005)

0,00

Mons-Cataldo-Naro

Descrizione

Amiamo la nostra Chiesa

Mons. Cataldo Naro, arcivescovo di Monreale

«Più che una lettera pastorale nel senso “classico” del termine (…) è una semplice traccia di riflessione. Precisamente è un invito cordiale ad amare la nostra Chiesa diocesana e, insieme, una proposta di riflessione essenziale sui motivi che ci spingono ad amarla».

Resa nota il 5 novembre scorso, la lettera è costruita attorno a un’ampia citazione degli appunti di un viaggio compiuto in Sicilia nel 1929 dal teologo Guardini, nei quali descrive ammirato una celebrazione pasquale all’interno del duomo di Monreale.

Legando a doppio filo la bellezza della Chiesa intesa sia come edificio architettonico sia come «edificio spirituale», mons. Naro esplicita alcuni punti chiave dell’appartenenza ecclesiale: lo stupore per la bellezza di un luogo sacro, che riceve la massima valorizzazione nell’azione liturgica; «il popolo orante» che si fa attore di questa bellezza; l’unità tra vescovo e popolo di Dio, resa concreta dalla struttura architettonica del presbiterio, che deve essere agita nella vita ecclesiale quotidiana; la continuità di un edificio che ha visto generazioni di credenti pregare tra le sue mura, che rimanda alla comunione e al «legame con quanti ci hanno preceduto»; infine, l’«ammirazione», il sentimento che colpisce il visitatore, che deve rimandare all’ammirazione per un edificio più ampio, le cui pietre formano la Chiesa universale.

Annunci