Caltagirone, si apre l’Anno Sturziano. Mons. Raspanti: “Reinventiamo Sturzo” – VIDEO | ilsettemezzo.com

Pubblicato il 20/01/2019 – di Giacomo Belvedere

Don Sturzo, ha detto mons. Raspanti nell’omelia, inserisce gli elementi di praticità e realismo, in una visione più ampia.

«Speriamo – si è augurato il vice Presidente della Cei –  che uomini e donne sappiano rinnovare questo messaggio e anche reinventarlo, perché nuove coloriture e tonalità di santità si esprimano nel  nostro tempo»


Si è aperto sabato 19 Gennaio, con la celebrazione solenne presieduta dal Vice Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, nella Cattedrale di Caltagirone l’Anno sturziano. Ricorrono infatti i cento anni dall’Appello ai Liberi e Forti, con cui don Sturzo fondava il Partito Popolare e dava inizio alla stagione politica del cattolicesimo democratico in Italia, e i sessant’anni dalla morte del grande statista caltagironese.

don-luigi-sturzo
Foto Andrea Annalaro

Alle ore 17.30, al Mausoleo che custodisce le spoglie di don Luigi Sturzo (Chiesa del SS.mo Salvatore), alla presenza delle autorità civili, militari, politiche e amministrative, invitate per la circostanza a partecipare in maniera ufficiale dal Vescovo di Caltagirone mons. Calogero Peri, è stata inaugurata la mostra “itinerante”, dal titolo “A tutti gli uomini liberi e forti. Vocazione sacerdotale e impegno politico del Servo di Dio Luigi Sturzo”, con pannelli illustrativi della vita e dell’azione spirituale, sociale, politica e culturale del “piccolo prete di Caltagirone” che ha contribuito con straordinaria efficacia di pensiero e determinazione politica a scrivere una pagina complicata e decisiva della storia italiana.

A seguire, il corteo con le insegne e i gonfaloni dei Comuni della diocesi, dopo avere reso doveroso omaggio al Servo di Dio, si è recato in Cattedrale per la solenne concelebrazione.

«Al di là delle difficoltà del tempo presente – ha dichiarato il Vescovo di Caltagirone, mons. Calogero Peri, la memoria di Luigi Sturzo, servo dal cuore indiviso nel servizio fedele di Dio e dell’uomo, come quella delle tante altre personalità di cui è ricco il martirologio laico e cristiano di questa terra, urge che sia riconsegnata alle nuove generazioni come risorsa di speranza, con progetti di promozione e sviluppo integrale, perché gli orizzonti futuri si illuminino di nuova fiducia».

mons-antonino-raspanti«REINVENTARE STURZO Uno dei luoghi da cui tutto parte è questa città – ha detto nell’omelia mons. Antonino Raspanti, è la nostra isola, che poi si intreccia nella sua educazione con altri luoghi dell’isola, dell’Italia e poi, per le vicende della sua vita, in Inghilterra e negli Stati Uniti. Un’esperienza che diventa unica per questo intreccio delle condizioni politico, sociali, economiche, di cento anni fa».

«Sturzo ha una visione – ha spiegato mons. Raspanti –, per quanto la sua concezione è prosaica per certi aspetti, e si caratterizza per un realismo, per una praticità; il suo popolarismo non è utopico né apocalittico, e proprio per questo la sua visione della giustizia e della libertà è efficace.Ma partendo da ciò che si ritrova, Sturzo vede la nuova visione, inserisce quegli elementi in un orizzonte più ampio. E con l’Appello ai Liberi e Forti, fonda un partito, uno strumento cioè che potesse rendere concreta la sua visione di giustizia e di libertà».

«Speriamo – si è augurato il vice Presidente della Cei – che uomini e donne sappiano rinnovare questo messaggio. La sua luce di santità – non tocca a me né beatificarlo né canonizzarlo, ma riconosciamo in lui la luce di una ispirazione divina – possa essere da noi Chiesa, del 21 secolo, raccolta, e forse da alcuni gruppi di uomini e donne, anche reinventata, perché nuove coloriture e tonalità di santità si esprimano nel nostro tempo».

Una serie di altri appuntamenti e celebrazioni accompagnerà per l’intero anno il cammino della Chiesa Calatina con le sue realtà ecclesiali e parrocchiali, coinvolgendo le istituzioni (scuole, circoli culturali e organizzazioni sociali) di ogni paese, perché vengano sottolineati opportunamente tutti gli aspetti notevoli della ricca e molteplice personalità di don Luigi Sturzo.

VIDEO


***
Source: Caltagirone, si apre l’Anno Sturziano. Mons. Raspanti: “Reinventiamo Sturzo” – VIDEO | ilsettemezzo.com

Annunci

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.