Caltagirone, sabato la “Notte Bianca Sturziana”: alla riscoperta dei luoghi legati al sacerdote calatino | ilsettemezzo.com

Pubblicato: gio 23 Nov 2017 Di Redazione

don-luigi-sturzoLa seconda edizione della “Notte Bianca Sturziana” propone quest’anno un itinerario attraverso il Mausoleo nella Chiesa del Santissimo Salvatore; la Casa Sturzo; la Chiesa Ex Matrice; l’ex Carcere borbonico; le Ex Officine Elettriche.

Su iniziativa della Diocesi di Caltagirone in collaborazione con il Comune, sabato 25 novembre – vigilia dell’anniversario della morte -, nel centro storico della città della ceramica, si svolgerà la seconda edizione della “Notte Bianca Sturziana”, il suggestivo percorso della memoria alla riscoperta dei luoghi dell’esperienza del sacerdote e statista.

Il sacerdote calatino, per il qual si è chiusa a Roma la fase istruttoria della causa di beatificazione, durante la quale sono stati interrogati 153 testimoni de visu e de auditu in Italia, Francia, Inghilterra e Stati Uniti, ha lasciato profonde tracce di sé, come sacerdote e animatore dell’Azione Cattolica, prima, come amministratore, dopo, nella città della ceramica.

Nato a Caltagirone il 26 novembre del 1871, Sturzo fu ordinato sacerdote nel 1894 per le mani del Vescovo Mons. Saverio Gerbino nella Chiesa del SS.mo Salvatore nella immediata prossimità della sua casa natale, dove oggi è collocato il mausoleo coi suoi resti mortali. Completò a Roma i suoi studi, maturando la conversione sociale, che lo caratterizzò per tutta la vita. Fermo restando il caposaldo fondamentale della sua vita laboriosissima che fu l’assoluto primato del suo “essere prete innanzitutto”, che sempre rivendicò e per il quale Papa San Giovanni XXIII disse di lui: “esempio di preclare virtù sacerdotali”. Il profondo senso della giustizia e l’amore per i poveri furono le coordinate fondamentali sulle quali il “piccolo prete di Caltagirone” costruì fin dalla primissima giovinezza il suo disegno apostolico che lo portò a farsi via via promotore instancabile di iniziative sociali, culturali e politiche a livello locale e poi nazionale e internazionale, che ne fecero un esempio di integrità e coerenza e un modello instancabile di impegno su molti fronti e ad ogni livello.

“Sturzo fu modello di fedeltà sacerdotale – dichiara mons. Calogero Peri, vescovo di Caltagirone –  e di intraprendenza apostolica” da cui sgorga “lo straordinario messaggio di una vita davvero consacrata al Signore nel Battesimo e nella dimensione sacerdotale, segnata dalla forte ed integra fedeltà alla causa del Regno di Dio e della Salvezza integrale dell’uomo, per la via accogliente e intraprendente della Speranza cristiana sempre nuova e vigorosa”.

PROGRAMMA – L’itinerario sturziano comincerà alle 19, nel salone “Silvio Milazzo” del palazzo municipale, con la presentazione del libro di Giovanni Palladino “Don Luigi Sturzo, maestro di verità e di libertà”. Dalle 19 alle 23 sarà possibile seguire un interessante itinerario, accompagnato e arricchito da varie iniziative di natura spirituale e culturale: che si articoleranno attorno a 5 luoghi della città legati alla memoria del prete e sociologo di Caltagirone:

1. il Mausoleo nella Chiesa del Santissimo Salvatore, dove i giovani di Azione Cattolica racconteranno la stagione dell’Azione Cattolica nell’esperienza di don Luigi Sturzo;

2. la Casa Sturzo, luogo dell’adolescenza, della maturità e degli affetti familiari, nelle cui stanze Mario, Luigi, Nelina, Margherita e Remigia maturarono i loro grandi ideali e concepirono il sogno della costruzione del bene comune;

3. la Chiesa Ex Matrice, che custodisce l’altare della famiglia Boscarelli-Sturzo dedicato alla “Presentazione di Maria Santissima Bambina al Tempio”, culla della vocazione dei fratelli Sturzo;

4. l’ex Carcere borbonico, luogo voluto nel 1912 da Sturzo per preservare e valorizzare il patrimonio storico, archeologico ed artistico della città;

5. le Ex Officine Elettriche, che costituirono il primo progetto del pro-sindaco Sturzo nella sua opera di innovazione e modernizzazione della città, in cui sarà possibile compiere una visita multimediale alla Caltagirone del primo ‘900.

Sorgente: Caltagirone, sabato la “Notte Bianca Sturziana”: alla riscoperta dei luoghi legati al sacerdote calatino | ilsettemezzo.com – Notizie in tempo reale – Le migliori notizie e i video di politica, cronaca, economia, sport

Annunci

God bless you!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.