Essere missionari oggi: Biagio Conte, revival medioevale o speranza per l’Europa del futuro? | Sicilian Post


Biagio-Conte-780x439

Il fon­da­to­re del­la “Mis­sio­ne di Spe­ran­za e Ca­ri­tà”, che ha tra­sfor­ma­to Pa­ler­mo in una del­le cit­tà d’I­ta­lia con il mi­nor nu­me­ro di clo­chard al­l’a­per­to, è sta­to rac­con­ta­to nel li­bro-in­ter­vi­sta “Qual­co­sa di pre­zio­so che ac­ca­de” di Fran­ce­sco In­guan­ti. Il teo­lo­go don Mas­si­mo Naro: «Così uni­sce pre­ghie­ra e azio­ne po­li­ti­ca»

Mar­zo 2017, men­tre tut­ta Ita­lia è im­pe­gna­ta nel­la fab­bri­ca­zio­ne di uova di cioc­co­la­to e sen­te già la ri­sac­ca del­le va­can­ze esti­ve, un uomo de­ci­de di at­tra­ver­sa­re il Pae­se a pie­di. In spal­le non lo zai­no da scout, ma un sim­bo­lo che a qual­cu­no po­treb­be sem­bra­re an­ti­qua­ria­to: una cro­ce. Un viag­gia­to­re so­li­ta­rio, se non fos­se che nel mez­zo ci sta La Mis­sio­ne di Spe­ran­za e Ca­ri­tà, un pro­get­to d’ac­co­glien­za im­po­nen­te, pre­sen­te a Pa­ler­mo da 25 anni. Bia­gio Con­te è un re­vi­val me­dioe­va­le o un per­so­nag­gio in cer­ca di like nel­l’e­ra dei so­cial?

Su que­sta fi­gu­ra enig­ma­ti­ca, il gior­na­li­sta Fran­ce­sco In­guan­ti ha pub­bli­ca­to il vo­lu­me-in­ter­vi­sta “Qual­co­sa di pre­zio­so che ac­ca­de” (Peo­ple & Hu­ma­ni­ties 2017), che è sta­to pre­sen­ta­to allIsti­tu­to San­t’Or­so­la di Ca­ta­nia da Don Mas­si­mo Naro. Nel­l’in­tro­dur­re il tema, il pre­sbi­te­ro del­la dio­ce­si di Cal­ta­nis­set­ta e do­cen­te del­la Fa­col­tà Teo­lo­gi­ca di Si­ci­lia (dopo le in­tro­du­zio­ni di Al­fio Pen­ni­si del Cen­tro Cul­tu­ra­le di Ca­ta­nia e Mi­che­la Doro, pre­si­de del­la scuo­la) ha sot­to­li­nea­to come lo stru­men­to del­l’in­ter­vi­sta fos­se il più ido­neo a trac­cia­re il pro­fi­lo di Con­te. «Nel­l’in­ter­vi­sta l’in­ter­vi­sta­to com­pie lo sfor­zo di ri­ca­va­re dal pen­sar­si l’e­vi­den­za del pro­prio es­ser­ci: l’io sog­get­to nar­ran­te si pone in que­stio­ne e, pen­san­do­si, si sco­pre».

biagio-conteCHI È BIA­GIO CON­TE. Nato a Pa­ler­mo nel 1963, Bia­gio Con­te tra­scor­re la gio­vi­nez­za in pre­da a con­ti­nui dis­si­di. A 26 anni ab­ban­do­na l’im­pre­sa edi­le di fa­mi­glia e viag­gia a pie­di fino ad As­si­si dove ar­ri­va il 7 giu­gno 1991, se­gui­to dal­la cro­na­ca per gli ap­pel­li del­la fa­mi­glia alla tra­smis­sio­ne Rai “Chi l’ha vi­sto?”. Tor­na­to a Pa­ler­mo, si de­di­ca al­l’as­si­sten­za dei sen­za­tet­to del­la sta­zio­ne cen­tra­le. Co­min­cia a pren­de­re for­ma La Mis­sio­ne di Spe­ran­za e Ca­ri­tà. Nel 2014 la Cu­ria di Pa­ler­mo lo ri­co­no­sce mi­ra­co­la­to: da anni co­stret­to su una se­dia a ro­tel­le, tor­na a cam­mi­na­re dopo un’im­mer­sio­ne nel­le ac­que di Lour­des. Nel­l’ul­ti­mo viag­gio, da poco con­clu­so, Bia­gio Con­te ha at­tra­ver­sa­to l’I­ta­lia con una cro­ce.

biagio-conteLA MIS­SIO­NE DI SPE­RAN­ZA E CA­RITÀ. Nel­le tre strut­tu­re del­la “Mis­sio­ne” ven­go­no ac­col­te cir­ca un mi­glia­io di per­so­ne di ogni pro­ve­nien­za, sen­za al­cun li­mi­te di tem­po. Lo sco­po non è solo quel­lo di sod­di­sfa­re bi­so­gni ma­te­ria­li, ma aiu­ta­re, me­dian­te la con­di­vi­sio­ne, nel­la riap­pro­pria­zio­ne di un sen­so del­l’e­si­sten­za. «Con­di­vi­de­re – con­ti­nua Don Naro – si­gni­fi­ca en­tra­re den­tro l’al­tro e por­tar­si l’al­tro den­tro di sé. È ciò che se­con­do San Pao­lo ha fat­to lo stes­so Gesù: come scri­ve nel ca­pi­to­lo II del­la let­te­ra ai Fi­lip­pe­si, svuo­tò se stes­so del­le sue pre­ro­ga­ti­ve di­vi­ne per ca­lar­si den­tro la con­di­zio­ne uma­na, quel­la del ser­vo». La con­di­vi­sio­ne per Bia­gio non è dun­que solo di­vi­de­re ciò che si ha, ma sop­por­ta­re vo­lu­ta­men­te in­sie­me agli al­tri.

UNI­RE PRE­GHIE­RA E AZIO­NE PO­LI­TI­CA. Come per gli an­ti­chi fi­lo­so­fi il pen­sie­ro è for­ma d’a­zio­ne su­pre­ma, così è la pre­ghie­ra per il mis­sio­na­rio lai­co pa­ler­mi­ta­no, che con un oc­chio guar­da a San Pio e con l’al­tro a Gior­gio La Pira. «In que­sto modo – spie­ga an­co­ra don Naro – so­stie­ne la ne­ces­si­tà di uni­re pre­ghie­ra e azio­ne po­li­ti­ca». I pel­le­gri­nag­gi me­di­ta­ti­vi, i di­giu­ni pe­ni­ten­zia­ri e di pro­te­sta han­no il loro cor­ri­spet­ti­vo nei rap­por­ti con le isti­tu­zio­ni, nel­l’im­pe­gno con­cre­to per la ri­so­lu­zio­ne dei pro­ble­mi le­ga­ti a edi­fi­ca­zio­ne e ge­stio­ne del­le tre sedi. Quan­do c’è da co­strui­re è lì a im­pa­sta­re cal­ce, at­ten­to a ri­spet­ta­re le nor­me di si­cu­rez­za. Da un lato l’in­con­tro con il Papa, dal­l’al­tro il ri­co­no­sci­men­to di Cit­ta­di­no Eu­ro­peo del­l’an­no 2012 a Stra­sbur­go. Pre­di­ca­re bene e raz­zo­la­re al­tret­tan­to.

mons-massimo-naroUN MO­DEL­LO PER LA SO­CIETÀ CI­VI­LE. «Al cen­tro del­la Mis­sio­ne – con­clu­de don Naro – ci sono gli emar­gi­na­ti dal­la so­cie­tà. To­ni­no, Ba­kir, Ben, Fi­lip­po, Jo­se­ph sono tut­ti na­vi­gan­ti del­la vita. Chia­man­do­li per nome, Bia­gio li ri­con­se­gna alla no­stra at­ten­zio­ne». Ma può que­sto pro­get­to di­ven­ta­re un vero mo­del­lo per la so­cie­tà ci­vi­le? Gra­zie al la­vo­ro del­la Mis­sio­ne oggi Pa­ler­mo è una del­le cit­tà d’I­ta­lia con il mi­nor nu­me­ro di clo­chard che vi­vo­no al­l’a­per­to. E for­se an­che per que­sto la no­mi­na di Pa­ler­mo a ca­pi­ta­le del­la cul­tu­ra 2018 non suo­na poi così male: il fu­tu­ro del­l’Eu­ro­pa pas­sa at­tra­ver­so il va­lo­re so­cia­le del­la mi­se­ri­cor­dia.

 

Sorgente: Essere missionari oggi: Biagio Conte, revival medioevale o speranza per l’Europa del futuro? – Sicilian Post

God bless you!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.