Saluto alla Diocesi | diocesimessina.it

Sorgente: Saluto alla Diocesi


Siracusa, 20 ottobre 2016
S. Mons. Benigno Papa
Amministratore Apostolico
Presbiteri, religiosi e laici
dell’Arcidiocesi di
Messina – Lipari – Santa Lucia del Mela

Eccellenza Reverendissima, cari confratelli nel presbiterato, cari fratelli in Cristo,

vorrei ringraziare insieme a tutti voi il Signore per il dono dell’episcopato, con il quale Egli mi chiama a vivere oggi la mia vocazione sacerdotale nella esperienza della successione apostolica. Lo sento come un dono impegnativo, secondo le parole di Gesù: «A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più» (Le 12,48).

Rivolgo il mio ringraziamento, accompagnato dalla continua preghiera, a Sua Santità Papa Francesco, il quale con apostolica sollecitudine ha voluto provvedere alla nostra Chiesa di Messina-Lipari-Santa Lucia del Mela.

Carissimi, non nascondo il timore e il tremore con il quale mi accingo a condividere un cammino di servizio con voi e per voi; ma è altrettanto forte la gioia di servire il Signore nei fratelli attraverso l’annuncio del Vangelo e l’insegnamento degli Apostoli.

«La carità non abbia finzioni: fuggite il male con orrore, attaccatevi al bene; amatevi gli uni gli altri con affetto fraterno, gareggiate nello stimarvi a vicenda. Non siate pigri nello zelo; siate invece ferventi nello spirito, servite il Signore. Siate lieti nella speranza, forti nella tribolazione, perseveranti nella preghiera, solleciti per le necessità dei fratelli, premurosi nell’ospitalità» (Rm 12,9-13). L’esortazione di Paolo possa essere u n riferimento chiaro e saldo per alimentare la vita del presbiterio e dell’intera comunità cristiana e per valorizzare, con animo libero da ogni ambizione elitaria, l’impegno all’interno della società civile da parte di tutti, consacrati e laici.

Chiedo preghiere a ciascuno di voi, perché il Signore mi faccia sentire il calore della Sua Misericordia e mi doni la capacità di un ascolto attento, di un discernimento evangelico e di un servizio generoso.

La città di Messina è porta per la Sicilia e per il Sud. Ancora oggi la Vergine Maria continua a rivolgere su di noi la benedizione celeste: Vos et ipsam Civitatem benedicimus. Ella ci invita ad estendere questa benedizione a tutti coloro che abitano o fuggono dai Sud del mondo, dalla emarginazione, dalla guerra e dalla povertà. La sua vicinanza ci sia di sostegno nella costruzione dì ponti di speranza, di amore e di vita nuova attraverso la carità e la verità.

Infine sento il bisogno di ringraziare e di affidarmi alla preghiera fraterna dei miei predecessori, da S. Ecc. Mons. Giovanni Marra a S. Ecc. Mons. Benigno Papa, il quale in quest’ultimo periodo ha guidato con sapienza questa nostra Chiesa particolare.

Per intercessione di Santa Maria della Lettera, invoco su ciascuno di voi la benedizione di Dio Padre, Figlio e Spirito Santo

+ Giovanni Accolla
Arcivescovo

firma-saluto


messaggio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.