I giornalisti hanno incontrato l’Arcivescovo di Siracusa Salvatore Pappalardo per il tradizionale scambio di auguri | La Gazzetta Siracusana

lagazzettasiracusanaNEWS

I giornalisti hanno incontrato l’Arcivescovo di Siracusa Salvatore Pappalardo per il tradizionale scambio di auguri

auguri vescovo pappalardo

don Lombardo, mons. Pappalardo, Di Salvo (1)

Siracusa – “Vorrei che la Chiesa e quanti si dicono cristiani sappiano testimoniare la misericordia: Papa Francesco ci ha indicato gli atteggiamenti da assumere che qualificano la nostra condotta  come misericordiosa”. E’ l’augurio di Pasqua rivolto dall’arcivescovo di Siracusa, mons. Salvatore  Pappalardo, che ha incontrato stamane giornalisti ed operatori della comunicazione. “Possiamo anche noi essere più attenti e misericordiosi – ha detto il Pastore della Chiesa siracusana -.  Auguri a chi porta la sofferenza nel cuore nella certezza di Gesù Cristo crocifisso, morto per loro.  La Pasqua è la rivelazione della misericordia di Dio. Augurare buona Pasqua è fare esperienza  della misericordia di Dio. Il Papa ci ricorda l’insegnamento di Gesù: voglio augurare una Pasqua che sia  esperienza di gioia , serenità, consolazione, a motivo dell’amore di Dio e che ci faccia aprire il  cuore alle necessità dei fratelli che vivono momenti di sconforto desolazione e disperazione. Che la
nostra testimonianza possa essere motivo di serenità”. L’arcivescovo ha comunicato la conclusione due giorni fa della Visita pastorale: “Ho iniziato la  Visita pastorale nel 2011, il Giovedì Santo. E l’ho conclusa ufficialmente proprio il Giovedì Santo. La dichiaro ufficialmente conclusa e rendo grazie al Signore per quanto Egli mi ha dato di poter  conoscere ed apprezzare della vita di ogni singola comunità; prego altresì il Signore di concedermi luce e sapienza così da far tesoro di questa ricca esperienza pastorale da saperla ora valorizzare  per crescita spirituale di tutta la Comunità diocesana.  La Chiesa non è chiamata a risolvere i problemi società, ma a far si che i cristiani siano
nella società fermento e sale che possa dare sapore evangelico. Purtroppo ci sono tanti problemi:  donne che mi dicono che da 4, 5 mesi il marito non riceve lo stipendio. La povertà si tocca con  mano. Le difficoltà delle famiglie sono tante e tutto questo deve farci aprire gli occhi. La Visita pastorale mi ha permesso di conoscere tante belle e nascoste iniziative di carità:  sappiamo ci sono le mense in Ortigia e al Pantheon, ma devo dire che in molte parrocchie  c’è l’esercizio della carità e l’attenzione ai poveri. Sono stato insieme ai giovani a distribuire il cibo.  C’è una carità spicciola e silenziosa ma molto diffusa. Alla Mazzarrona i fedeli spesso vanno in  chiesa per la celebrazione col sacchetto della spesa. Io l’ho chiamato Altare della carità, come al  Santuario, per legare il gesto con la celebrazione eucaristica che sta a fondamento dello stile cristiano”. Mons. Pappalardo ha voluto comunicare l’abbondante messe di vocazioni al Presbiterato e al  Diaconato in quest’Anno giubilare. “Sei presbiteri saranno ordinate, il primo giorno, 4 aprile,  nel Santuario della Madonna delle Lacrime. E poi almeno una quindicina di diaconi permanenti.  In totale saranno 35, una presenza significativa in diocesi, un segno della misericordia del Signore. I numeri devono farci prendere consapevolezza della nostra missione nella Chiesa. Forse il Signore chiede a noi maggiore attenzione nel testimoniare la misericordia”. Presenti stamane in Arcivescovado, Santo Gallo, consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti;  il direttore del settimanale Cammino, don Giuseppe Lombardo, ed il presidente provinciale dell’Ucsi,  Salvatore Di Salvo. “Il tema del Santo Padre per quest’anno giubilare ci pone al centro il rispetto  dell’uomo nello svolgere il nostro mestiere di comunicatori e giornalisti – ha detto proprio Di Salvo -.  Siamo chiamati a raccontare il territorio e la storia del nostro territorio rispettando la dignità e  facendo emergere le problematiche a volte nascoste insite all’interno di famiglie e territorio.  Raccontare il territorio rispettando dignità dell’uomo”. Anche quest’anno si è svolto il tradizionale omaggio di Ucsi e Assostampa all’arcivescovo: diversi  chili di pane che sono stati consegnati alla parrocchia del Carmine per le famiglie bisognose  del territorio.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.