Ferla, inaugurato dall’Arcivescovo Pappalardo il Monastero Francescano di clausura dedicato alla “Madonna delle Lacrime” | La Gazzetta Siracusana

lagazzettasiracusanaARCHIVIO

Ferla, inaugurato dall’Arcivescovo Pappalardo il Monastero Francescano di clausura dedicato alla “Madonna delle Lacrime”

di  pubblicato il gennaio 2016

1916937_10205984946245968_5140053361721629013_n

1916937_10205984946245968_5140053361721629013_n

Ferla – Con una solenne celebrazione eucaristica è stato inaugurato il Monastero francescano di clausura dedicato alla “Madonna delle Lacrime”. Ha presieduto la Santa Messa e il rito di insediamento l’Arcivescovo Metropolita di Siracusa, Mons. Salvatore Pappalardo con lui hanno concelebrato: il Ministro Provinciale dei Cappuccini fr. Gaetano La Speme, il Ministro Provinciale del TOR fr. Filippo Todaro, il Vicario Generale della diocesi Mons. Sebastiano Amenta, il Parroco don Roberto Garro, diversi sacerdoti religiosi cappuccini e del TOR, i diaconi dell’arcidiocesi. Numeroso il concorso di fedeli, tra cui le autorità militari e civili, con a capo il Signor Sindaco di Ferla, Dott. Michelangelo Giansiracusa, e i fratelli e le sorelle dell’OFS. L’erigendo monastero, costituito nel convento cappuccino di Ferla, ha accolto otto monache provenienti dal Messico.
“Un nuovo monastero, nell’anno giubilare della misericordia , – ha detto l’Arcivescovo della diocesi di Siracusa S.E. Salvatore Pappalardo – nell’omelia, si deve intendere uno speciale dono della divina provvidenza per tutta la Chiesa, ma in modo particolare per il Popolo santo di Dio che vive nella Diocesi di Siracusa. Tutti beneficeremo di questa incessante presenza orante di lode, di intercessione e di supplica. È un luogo di intensa spiritualità – ha continuato l’Arcivescovo -, dove si incarnerà l’amore per Dio nel quotidiano, nel silenzio e nel nascondimento; come fu nella Santa Famiglia di Nazareth prima del suo ministero pubblico. Una testimonianza, questa, per tutti i fedeli che vogliono vivere una spiritualità nell’umiltà”.

Questa presenza di grazia, a vantaggio di tutta la comunità diocesana, e che si caratterizzerà per l’adorazione eucaristica giornaliera, è stata affidata dall’Arcivescovo di Siracusa all’attenzione e alle cure di tutti i fedeli che potranno unirsi alla preghiera pubblica delle monache e farsi per loro strumento della carità di Dio.

Salvatore Pappalardo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.