Un libro sul cardinale Pappalardo | Marineo Weblog

marineowebblogUN LIBRO SUL CARDINALE PAPPALARDO
Posted by Giuseppe Taormina on 3 dicembre 2011 · 1 commento

Lunedi 5 dicembre alle ore 10.30 alla Sala Gialla del Palazzo Reale a Palermo, sarà presentato il libro curato da Don Vincenzo Noto, “Il cardinale Salvatore Pappalardo nel ricordo di…”. Interverranno, oltre all´autore, Diego Ziino, Fabrizio Lentini e Nino Barraco. Una serie di interventi di vescovi, sacerdoti, giornalisti, professionisti che hanno ricordato la figura del presule a cinque anni dalla morte avvenuta il 10 dicembre del 2006. Il libro è edito dalla casa editrice AMEN di Misilmeri. Info su edizioni.amen@libero.it


Pappalardo aveva una grande capacità di entrare subito in sintonia con quanti partecipavano ai suoi incontri e la gente lo sentiva vicino anche perché il suo linguaggio aveva ben poco di clericale e di cardinalizio.
Vincenzo Noto
Dire qualcosa a partire dai miei ricordi sul cardinale Pappalardo è per me come cercare di dire qualcosa su mio padre.
Salvatore Di Cristina
Ricordo il cardinale Salvatore Pappalardo sempre con piacere ed edificazione. Come persona eccezionale. Nella “altezza” del suo ruolo rimase, potremmo dire “naturale”, semplice e cordiale, capace di un sano umorismo che dimostrava la sua libertà d’animo e la sua superiorità di pensiero.
Pio Vigo
Il volto di un Vescovo che decise il futuro della città, che pose la Chiesa in conflitto con il crimine, che diede speranza al dolore degli abbandoni, che volle la frequentazione della Bellezza come presenza di Vangelo. Ecco il Cardinale Pappalardo.
Nino Barraco
A Palermo, Pappalardo ha segnato molti di noi “giovani e meno giovani” che bazzicavamo nelle stanze della curia arcivescovile. Riusciva a dire le verità più grandi con le parole più semplici: impossibile non capire quello che voleva dire.
Giovanni Chiappisi
Il suo incoraggiamento non mancò neanche quando l´incontrai, ancora una volta nella chiesa della Madonna dei Rimedi, dopo la mia scarcerazione: ´Sii forte! Non demordere!” mi disse.
Mario Frittitta
E´ un ricordo che conservo, prezioso: il ricordo del rapporto tra due persone che non sono più tra noi, tra cui è intercorso un sentimento di stima e di affetto, che hanno contribuito a quella punteggiatura positiva che, tra tante sofferenze, segna la strada della speranza per la nostra terra.
Sergio Mattarella
Seduti nel salotto del suo appartamento a Baida, ci siamo ritrovati insieme io, Stefano, mio marito, e quello che, a casa e fra gli amici, chiamavamo semplicemente “il Cardinale”. C’era caldo, sebbene anche a luglio la Casa Diocesana sappia essere confortante. Col suo fare caloroso e asciutto, ci accolse come sempre con amore di Padre.
Teresa Piccione
La Chiesa palermitana, attraverso la dialogicità impressa dal suo Pastore, ha maturato un volto e una coscienza missionaria capace di edificare il Regno con un dinamismo dialogico sia intraecclesiale, sia ecumenico che interreligioso, sia in partnership col mondo, per affermare valori umani e cristiani in vista della costruzione del bene comune.
Ina Siviglia
Grande Pastore, schietto e talvolta istintivo e un po´ ruvido, con il quale ho avuto la grazia di collaborare per un arco di tempo tra i più difficili, ma certamente tra i più belli della mia vita.
Bartolomeo Sorge
Amava scherzare, sdrammatizzare e imparare, fino alla fine. Lo ha dimostrato diventando bravissimo col computer, sulla soglia degli ottant´anni.
Alessandra Turrisi
info: misilmeri news

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.