Agrigento OGGI > San Gerlando, Montenegro : “Avere la Cattedrale chiusa è come avere la mamma ammalata!” | Agrigento OGGI

feste
∈ Agrigento OGGI San Gerlando, Montenegro : “Avere la Cattedrale chiusa è come avere la mamma ammalata!” – Agrigento OGGI.
SAN GERLANDO, MONTENEGRO : “AVERE LA CATTEDRALE CHIUSA È COME AVERE LA MAMMA AMMALATA!”
Pubblicato 25/02/2012 » 140 Visualizzazioni» Da Staff-online » Top

Il testo che segue è il saluto, di mons.Francesco Montenegro all’inizio del Pontificale per la festa di San Gerlando.

Carissimo Fratello Michele, a nome mio personale e di tutta la comunità diocesana Ti accolgo con immensa gioia e ti ringrazio per aver accettato l’invito a presiedere l’Eucarestia nel giorno solenne in cui ricordiamo il Santo Patrono Gerlando da Besanson. Questo appuntamento annuale ci con sente di riscoprire le radici profonde della fede dei nostri padri, ci aiuta a desiderare un autentico cammino di santità e ci interroga su come, a distanza di quasi un millennio, siamo chiamati a ripresentare il messaggio di fede e di impegno concreto che il santo di origini francesi ha portato nella nostra amata Sicilia.

Solenne pontificale Festa San Gerlando

 

S. Gerlando ha amato questa terra e questa città di Agrigento, in particolare; nel centro di essa ha voluto che si realizzasse una Chiesa Cattedrale, segno di unità e di comunione, collocata in alto, sulla collina, quasi come una sentinella, per guardare verso tulle le direzione della diocesi ed essere vista da più parti, quasi come un faro, perché nessuno perdesse la rotta della salvezza. La città nel cuore e la catte drale nel cuore della città: forse potremmo sintetizzare così il sogno di Gerlando, la sua visione architettonica ed evangelica.

Con tanta tristezza nel cuore oggi presentiamo al nostro amato patrono la sua cattedrale chiusa per i motivi strutturali che tutti noi co nosciamo e mentre ringrazio questa comunità di S.Domenico per l’accoglienza calorosa, a nome di tutta la diocesi, sento il bisogno di ri volgere un pensiero alla Chiesa Madre che esprime in modo visibile la nostra comunione. Avere la Cattedrale chiusa è come avere la mamma ammalata! Ci si sente privi di un centro vitale e affettivo. E insieme alla Cattedrale guardiamo con preoccupazione il centro storico che cade a pezzi, giorno dopo giorno, diventando quasi il segno di una città che perde lentamente il suo cuore e il motivo unificante della sua storia bi millenaria. Ci stanno a cuore, e per loro preghiamo manifestando an cora la nostra vicinanza, tutte le persone del centro storico costrette a vivere fuori casa ormai da troppo tempo. E insieme a loro ricordiamo e preghiamo per tutti coloro che vivono nei centri storici delle nostre città, soprattutto per quelli che stanno soffrendo a causa di condizioni precarie delle loro abitazioni.

Non potendo stare dentro la Cattedrale, per un istante vorrei che idealmente ci collocassimo tutti su quel colle e guardassimo la no stra diocesi con gli occhi di S. Gerando: gettiamo lo sguardo verso l’entroterra e pensiamo ai tanti problemi dell’agricoltura; ammiriamo la bellezza e la fecondità delle campagne che producono frutti straordi nari ma pensiamo alla sofferenza dei tanti agricoltori che vedono mor tificato il loro lavoro per la grave crisi in cui versa il settore agroalimen tare. Contempliamo il mare, vasto e limpido, luogo di confine e di pas saggio, spazio di comunicazione con il continente africano che sentiamo sempre più vicino a motivo dei flussi migratori. Ci sentiamo preoccupati per la crisi della pesca, per i tanti uomini che vogliono trovare nel mare il sostentamento necessario e non riescono a farlo per il costo del car burante o per tante altre difficoltà. Mettiamo nel cuore di S. Gerlando le tante persone che hanno perso il posto di lavoro o quelle che hanno deciso di andare altrove, lasciando qui gli affetti più cari e i sogni di tor nare presto.

Chissà quante volte S. Gerlando ha guardato questa terra e il suo mare, ne è rimasto incantato e ha deciso che per essa poteva e doveva fare molto. Vogliamo chiedere con insistenza l’aiuto e l’intercessione del nostro Patrono per questa terra che tutti noi amiamo e per la quale dobbiamo fare molto di più. S. Gerlando ci insegna che annuncio del Vangelo e promozione dell’uomo, costruzione del Regno di Dio e ani mazione del sociale camminano sempre insieme. S. Gerlando ci invita ad essere cristiani e cittadini degni del Vangelo che sanno guardare ne gli occhi la realtà e ogni giorno imparano ad affrontarla senza mai per dere la speranza. S.Gerlando ci sprona ad essere più coraggiosi, più in stancabili, più generosi; ci esorta a non essere un popolo che aspetta le soluzioni approntate dagli altri, a non essere di quelli che stanno sem plicemente a guardare o a chiacchierare sulle cose della città o a giudi care ma, mettendo in campo le proprie capacità, a saper lentamente costruire una coscienza civile e religiosa.

Vogliamo chiedere con forza il suo aiuto e la sua intercessione, e a te, carissimo fratello Michele, chiediamo di pregare per noi e per tutta la nostra diocesi perché in essa risplenda «l’operosità della fede, la fatica della carità e la fermezza della speranza nel Signore nostro Gesù Cristo». (1 Ts 1,2-3).

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.